Giardino Shahzadeh

Giardino del Principe, è un giardino persiano situato a sud del villaggio di Mahan, a sud-est di Kerman che crea un’oasi nel mezzo del deserto. Il giardino fu progettato e realizzato nel 1850 per il principe Qajar Mohammad Hassan Khan e ampliato nel 1873 per Abdol hamid Mirza che governò la provincia per undici anni. La sua morte nei primi anni del 1890 interruppe i lavori, lasciando il giardino incompiuto. Il padiglione centrale fungeva da residenza estiva del principe. Una parte della casa estiva ora funge da ristorante.

Cittadella di Rayen

Una splendida cittadella fortificata fatta di adobe, un tipico esempio di architettura ecologica del deserto in epoca sasanide nel 400 d.C. La cittadella Rayen stata divisa in diversi quartieri: le abitazioni popolari, il bazar, il magazzino delle scorte alimentari, la parte della borghesia o la classe commerciante e la mini fortezza stupenda reale. La cittadella possiede ben 15 torri con un unico corridoio che permetteva ai soldati di spostarsi da una torre all’altra, mentre invece i fori nell’apice del muro servivano per far sorvegliare la cittadella dagli arcieri che controllavano, dall’alto, ogni movimento sottostante. Rayen si trova quasi a 2200 mt al di sopra del livello del mare, per cui il paesaggio fiabesco della cittadella e la montagna dietro offrono un’immagine pittoresca agli occhi del visitatore.

Meymand

È un piccolo villaggio dell’Iran, dove il tempo si è fermato per diversi millenni. Lo storico villaggio di Maymand, nella provincia di Kerman, è abitato da almeno 3.000 anni. Le case scavate nella roccia, chiamate “Gonbeh o Chice”, alcune delle quali sono state abitate ininterrottamente per millenni, mentre oggi ospitano circa 350 persone che sono gli abitanti del villaggio Meymand. Con temperature estive elevate e inverni molto freddi, il villaggio si è meritato nel 2005 il Premio Internazionale dell’Unesco per la sua capacità di salvaguardare il suo modo di vivere ancestrale. Intorno, frutteti di melograno e pistacchio aggiungono un tocco di verde al paesaggio arido. Uomini e donne più anziani sono impegnati nelle fattorie. Le case sono dotate di elettricità ma non hanno l’aria condizionata. Non ne hanno bisogno perché questi focolari scavati nella roccia favoriscono naturalmente la freschezza. Questi abitanti del villaggio vivono una vita semplice, quasi primitiva, anche se alcuni approfittano di alcuni dei servizi offerti dalla vita moderna. È un bellissimo villaggio dove regnano pace e tranquillità. Una sorta di opera d’arte in perfetta armonia con la natura. Se siete appassionati delle montagne, trekking nel deserto, mille una notte, camping nel deserto in Iran, nomadismo, fotografie, antropologia, paesaggi storici e la cultura affascinante del medio oriente SITO Travel vi aiuta a organizzare il vostro viaggio in Iran, potete contattarci e contarci su di noi, perché la nostra esperienza nasce e si sviluppa sul campo.

Bam

Arge Bam o Cittadella Bam

A lungo associata alla Via della Seta, Bam fu durante l’Alto Medioevo, XII secolo d.C., un importante centro di produzione tessile. Attorno alla cittadella, la città si estende per oltre 20 ettari. Il terremoto del dicembre 2003 ha devastato la città, distruggendo quasi completamente l’Arge Bam. Oggi la città moderna ha riacquistato il suo splendore e la ricostruzione è quasi completa, ma la cittadella classificata dall’Unesco impiegherà ancora anni per risorgere dalle sue ceneri. Sul sito stesso, la strada principale è stata restaurata insieme a molti degli edifici che la fiancheggiano, ma bisogna allontanarsi da essa per guardare il resto delle rovine, che si estendono su 20 ettari. Da non perdere la scalata dei bastioni restaurati fino in cima alla cittadella: dove ci sarà una vista mozzafiato sulla città. Per farvi incuriosire vi consigliamo di Guardare il film “deserto dei tartari” omonimo del capolavoro di D. Buzzati, girato nell’Arge Bam prima del 2003.

Marivan

Marivan si trova a 125 km a nord-ovest di Sanandaj, in prossimità del confine Iran-Iraq ad un’altezza di 1320 metri sopra il livello del mare. I monti Zagros costituiscono le terre più irregolari di Marivan. La città è la città più piovosa della provincia del Kurdistan con il clima freddo e umido. Marivan è composto da tre parti, Circoscrizioni principali come “Markazi”, “Sarshiv”, “Khavumirabad”, quattro città e 6 distretti rurali.

Villaggio Sar agha seyyed

Sar Agha Seyed è un piccolo villaggio sperduto nel mezzo della regione montuosa di Charmahal va Bakhtiari in Iran. Situate sul dorso della montagna, le case sono costruite una sopra l’altra, i tetti a un piano fungono da terrazze per le case al piano superiore. Per la sua architettura, questo villaggio ricorda in qualche modo Masuleh, situata più a nord del paese. I diversi climi in Iran hanno causato varietà di stile di vita come i villaggi a gradoni tra le vaste montagne di Zagros (allungate da nord-ovest a vicino sud-est) e Alborz (inizia a ovest e termina a est). Ci sono diversi villaggi come Masuleh, Torghabeh e Uramanat, Palangan e quello che si vede qui è il villaggio di Sar Agha Seyed situato ai piedi del monte Zagros sul monte Zardkuh.

La ziggurat o ziqqurat di Chogha Zanbil

La ziggurat o ziqqurat, è l’antico tempio degli elamiti, basata su una pianta quadrata, a quattro piani con un tempio sommitale e un’altezza stimata di oltre 50 m, circondata da numerosi edifici, templi e palazzi, e protetta da tre cinte di mura. La ziggurat era formata da una struttura massiccia in mattoni crudi, rinforzata da travi di legno, che ne permettevano anche il collegamento con il paramento esterno in mattoni cotti. Ogni piano della ziggurat è adibito a funzioni specifiche: nella parte più alta della costruzione si trova il tempio vero e proprio “sanctum sanctorum”, con l’altare e le statue dedicate alla divinità protettrice, a cui può accedere solo il re sacerdote; nei piani intermedi spesso si trovano le scuole e lungo i gradoni si affacciano le stanzette dei sacerdoti; nella parte inferiore si trovano i magazzini per conservare le merci da utilizzare in caso di necessità, gli archivi per conservare le tavolette di argilla su cui sono registrati i contratti o le quantità di merci consegnate al tempio.

Bastam

Tomba di Bayazid Bastami

Comunemente noto come Bayazid Bastami con l’epiteto di Sultan-al-Arifin (Re dei mistici), è il più grande mistico del IX sec d.C. Si dice che Bayazid sia tornato a Bastam dopo alcuni anni di esplorazione e ascetismo e abbia trascorso la maggior parte della sua vita e sia morto lì. Non ha lasciato alcun lavoro di se stesso, ma i suoi discepoli e seguaci hanno trascritto i suoi discorsi che sono stati citati in diversi libri come “tabaqat al-Sufiyya” e “Tazkirat al-Awliya”.

Shabe Yalda

La notte più lunga dell’anno

Shab-e Yalda, è la notte più lunga dell’anno al momento del solstizio d’inverno (21/22 dicembre). La notte più lunga dell’anno è stata sempre festeggiata dalle famiglie iraniane fin dall’antichità e come il Nowruz (capodanno persiano, 21/marzo) è una festa che trova le sue radici nel periodo preislamico.

Questa festa celebra la nascita di Mitra, il dio del sole. Successivamente le giornate si allungano sempre di più e la luce del giorno prevale sull’oscurità della notte. Nel calendario iraniano, la mattina di Yalda sorge il primo giorno del mese di Dey, il primo mese dell’inverno.

Yasuj

Yasuj

Yasuj si trova nella parte centrale della città di BoyerAhmad, nella provincia di Kohkiluyeh e Boyer-Ahmad, accanto al fiume Beshar, ad un’altezza di 1831 metri sul livello del mare. Yasuj nel nord-est della provincia è tra boschi di querce con un clima temperato tendenzialmente freddo. La gamma di pioggia e neve è molto alta in questa città, e ciò rende la città una meta perfetta sia per l’escursionismo che l’alpinismo durante i mesi estivi.