Souvenir dell’Iran

Una delle abitudini degli iraniani è quella di offrire regali ai propri cari e ai propri amici al ritorno da un viaggio. Ma la specificità di questo dono è che proviene direttamente dalla città in cui abbiamo viaggiato, in altre parole è un ricordo di questo viaggio.

Gli iraniani scelgono la specialità di ogni regione come souvenir da portare a loro familiari e amici.

I ricordi dell’Iran sono vari, come le persone che vivono lì.

 

Tappeto

L’Iran è noto per i suoi tappeti annodati a mano e in particolare i turisti sono attratti dalla bellezza e dalla diversità di questo capolavoro di artigianato. I tappeti possono essere di seta, lana o cotone, ma quelli di seta sono i più prestigiosi. La maggior parte delle città iraniane produce tappeti, tra cui: Tabriz, Qom, Isfahan, Yazd, Ardakan, Kashan, Kerman, ecc. L’origine non è l’unico criterio di distinzione dei tappeti, ma anche i nodi e le ragioni possono cambiare da una regione ad altra.

L’antichità di quest’arte in Iran risale ai tempi pre-islamici, e i motivi usati ancora oggi risalgono alla preistoria.

Per i nomadi e i contadini, la produzione dei tappeti è una fonte di redditto. .

La realizzazione del tappeto ha un significato spirituale molto ricco. La spina dorsale del tappeto, i fili dell’ordito rappresentano la divinità ei fili della cornice evocano l’infinita tessitura di mondi e destini. Quindi, possiamo dire che il tappeto è un’immagine dell’universo, dove le creature sono annodate da Dio sulla catena della sua onniscienza.

I tappeti sono disponibili in vari disegni che possono essere chiamati: tappeti a medaglione, tappeti floreali, tappeti in vaso, tappeti da giardino.

Tappeto con medaglione: composto da un medaglione centrale, questo tappeto è circondato da una piantina di fiori, arabeschi floreali, animali o una scena di caccia.

Tappeto floreale: come suggerisce il nome, questo tappeto è pieno di fiori, alberi , arabeschi floreali e simboleggia il paradiso celeste.

Tappeto con il desegno di vaso: c’è uno o più vasi che sono annodati su questo tappeto da dove sgorga un ricco mazzo.

Tappeto con il desegno giardino: il giardino iraniano è il modello di questo tipo di tappeto. Una croce divide il tappeto in quattro parti che circondano un bacino.

Feltro: I tessuti in feltro sono fatti a mano in Iran e usati come tappeti o addirittura come ornamento per le case.

Gabbeh: Un altro tessuto da tappezzare sul pavimento è Gabbeh, che significa “grezzo”, “naturale”, “non tagliato”.

Il Gabbeh è un piccolo tappeto annodato a mano, normalmente da donne di tribù nomadi provenienti da Iran, Turkestan, Baloch, Lor, ecc.).

Il velluto di Gabbeh è più spesso dei tappeti annodati e può raggiungere fino a 3 cm. Il modello di Gabbeh è molto semplice in contrasto con il colore brillante di questo tipo di moquette.

Kilim: Kilim è un altro tipo di tappeto che è intrecciato a differenza del tappeto annodato. L’antichità della tessitura del kilim è di 10.000 anni fa ed è praticata principalmente nelle province: Kurdistan, Kerman, Lorestan, Fars, Sistan e Balochistan e Golestan.

Originariamente, il kilim serviva come copertura e per proteggere il terreno delle moschee e delle iurte, ma oggi può essere usato a terra, sulle pareti, come copri divano, a capo del letto o anche in tende.

Zafferano

Uno dei souvenir più noti dell’Iran è lo zafferano, un fiore cresciuto a Khorāsān. Lo zafferano è classificato come spezia.

Per produrre lo zafferano, i tre stimmi rossi del fiore di zafferano vengono rimossi e disidratati.

Nella cucina persiana, l’oro rosso viene utilizzato per adornare il riso o per dare un bel colore e un buon profumo agli stufati.

Il consumo moderato di zafferano ha effetti benefici sulla salute, mentre esagerando, si può rischiare la vita. Inoltre, le donne incinte, per evitare il rischio di aborto spontaneo, dovrebbero astenersi a prenderle.

Pistacchio

Uno dei prodotti agricoli più conosciuti al mondo è il pistacchio coltivato a Kerman, Shiraz e Isfahan. Il pistacchio è ricco di ferro e viene consigliato alle persone che soffrono di tale carenza.

Gaz

Il souvenir principale della provincia di Isfahan è un tipo di torroncino chiamata Gaz.

L’impasto proviene da un arbusto chiamato tamarix che cresce nelle zone desertiche.

Gli ingredienti: angabina, zucchero a velo, acqua, albume e pistacchi o mandorle.

 

Pietre preziose

Il ricco paese dell’Iran contiene molte miniere di pietre preziose che verranno descritte di seguito:

 

Turchese :Il turchese è una specie minerale blu trovata nella città di Firouzé a Khorāsān. Il colore più ricercato è il blu azzurro.

Agata: Questa pietra è in vari colori: rosso, verde, nero, giallo, blu.

Questa pietra può essere usata come ornamento o opera d’arte.

Zaffiro: La gemma blu estratta dalle miniere di Hamadān è usata come ornamento e persino nelle termo camere. Questa pietra è la più resistente dopo il diamante.

Smeraldo: Nell’antico Egitto, lo smeraldo veniva usato per trattare la balbuzie. Oggi, i benefici di questa pietra sono stati scoperti per trattare il cancro, l’epilessia, i mal di stomaco e il dolore agli occhi.

Rosario: I rosari sono normalmente in legno, pietre preziose, vetro, terra, ecc. e sono fatti in particolare a Qom e Mashhad che sono le due città religiose dell’Iran.

 

Bastonatura

L’inscatolamento avviene principalmente in Sistan e nel Balushistan e vengono fabbricati cestini, tappeti e altri oggetti in rattan.

 

Nan berenji (Dolce di riso)

Questa pasticcera è la specialità di Kermânchâh, fatta di farina di riso, uova, olio, zucchero e zafferano.

 

Cluche

 Il souvenir dell’Iran settentrionale è una specie di biscotto cotto con diversi sapori: noce, dattero, cocco ecc.. che viene mangiato con una tazza di tè.

 

Miele

In Iran, gli alveari si trovano nel nord e nel nord-ovest del paese.

 

Lokoum

 Nell’Azerbaijan orientale vengono prodotti gelatinosi prodotti a base di amido.

 

Caramelle tipiche

Il dolce tipico più famoso dell’Iran (il noghl persiano) proviene dalla città di Urmia, capitale dell’Azerbaijan occidentale. È una caramella tipica a base di zucchero a velo, acqua e acqua di rose che viene fornito con vari gusti come fiori di salice, mandorle, ecc. e delle volte Invece di zollette, beviamo il tè con queste tipiche caramelle.

 

Datteri

Secondo Fao, l’Iran è il secondo maggior produttore di datteri dopo l’Iraq nel mondo. I datteri sono in diversi tipi.

 

Distillazioni delle erbe

Uno delle sovvenir di Shiraz è la varietà delle distillazioni delle erbe, con effetti medici che vengono utilizzati principalmente nella medicina tradizionale iraniana.

L’acqua di rosa può essere aggiunta all’elenco delle distillazioni vegetali ed la più famosa acqua di rose iraniana si trova a Kāchān.

 

Termeh

Nella categoria tessile, c’è un tipo di tessuto chiamato Termeh. Termeh è un tipo di tessuto persiano (iraniano) fatto a mano, prodotto principalmente nella provincia di Yazd.

Durante il periodo Safavide (1502-1736 d.C.), le tecniche di tessitura di Zarbaf ed Eme furono notevolmente migliorate. A causa della difficoltà di produrre Termeh e dell’avvento della tessitura meccanizzata, ci sono poche officine in Iran che producono ancora Termeh intrecciati tradizionalmente.

 

Smaltatura

La smaltatura è uno degli elementi essenziali dell’artigianato iraniano. In persiano, chiamato Mina, che letteralmente significa il cielo, si riferisce al colore blu-azzurro del cielo. La tecnica di smaltatura in Iran, secondo ricerche archeologiche e testimonianze storiche, risale all’800 aC e fu inizialmente concepita e praticata dagli artigiani iraniani prima di diffondersi successivamente e dai Mongoli, fino all’India.

La tecnica di smaltatura è una tecnica di fusione a polvere di vetro fuso, generalmente compresa tra 750 e 850 ° C. La polvere si scioglie, scorre e indurisce su una superficie liscia, forte e vitrea ricoperta di metallo, vetro o ceramica.

Gli artigiani iraniani sono principalmente impegnati su rame e argento, e i motivi, i dipinti e i disegni che usano sono motivi tradizionali la cui scelta dipende dal loro gusto e dalle loro preferenze. Gli strumenti di smaltatura sono forni, pinze, presse e spazzole. Lo smalto è generalmente usato per abbellire vasi, gioielli e candelabri, nonché le porte ei lampadari dei luoghi sacri.

 

Khatam Kari  

Khatam Kari è un’opera fine e delicata a intarsio, i cui primi esempi risalgono all’epoca di Safavidi. Ma durante il regno di qajar, quest’arte viene dimenticato fino a quando Reza Pahlavi la rimise di moda e persino istituì scuole di artigianato a Teheran, Isfahan e Shiraz.

 La tecnica di khatam kari è basata sull’intarsio.

Questa tecnica implica la realizzazione di motivi, principalmente a forma di stella, con incrostazioni di bastoncini di legno fini (ebano, teak, giuggiola, arancio, rosa), ottone (per le parti dorate) e osso di cammello (parti bianche). Avorio, oro e argento possono anche essere usati per monete da collezione. Queste aste vengono dapprima assemblate in fasci triangolari, essi stessi riuniti e incollati in fascicoli in un ordine rigoroso per formare un cilindro di circa 70 cm, il cui bordo mostra l’unità di base della decorazione finale: una stella per sei rami contenuti in un esagono. Questi cilindri vengono quindi affettati in cilindri più corti, quindi compressi ed essiccati tra due piastre di legno, prima di subire un taglio finale producendo fette di circa 1 mm di spessore. Questi ultimi sono quindi pronti per essere placcati e incollati sull’oggetto di supporto da decorare prima di essere laccati. Possono essere preriscaldati per ammorbidire, se l’oggetto è curvo, per sposare le curve.

 Al giorno d’oggi, sono piuttosto gli artisti di Isfahan e Shiraz che praticano Khatam Kari.

 

Sbalzo

Lo sbalzo è l’arte degli utensili da cucina, comprese le padelle in rame, praticata a Isfahan. L’antichità dei respinti ha 5000 anni e a quanto pare gli iraniani furono i pionieri di quest’arte.

 

Toreutica

Toreutica è l’arte di lavorare su superfici metalliche per incidere forme o addirittura parole.

Gli strumenti per praticare quest’arte sono uno scalpello e un piccolo martello.

È attestato nell’età del bronzo e fiorì in Mesopotamia e in Persia, anche se il termine fu inventato solo nel diciannovesimo secolo.

 

Firouze koubi

Questa arte consiste nell’applicare piccoli pezzi di turchese su piatti, vasi, ecc. di rame o ottone.

Tra pezzi di turchese, si mette la vernice nera.

Isfahan e Shiraz sono le principali città nella produzione di oggetti decorativi decorati con turchese.

Monabbat Kari (Legno intagliato)

 L’intaglio del legno è una tecnica che viene praticata rimuovendo il materiale. Si riferisce anche al lavoro in legno.

La città di Golpāyegān è il centro principale di quest’arte.

 

Moaraq Kari

Questa arte è molto simile al Legno intagliato, ma la differenza è che nel moaraq kari, il khatam viene utilizzato anche su legno o metallo per adornare. Questa arte consiste nel riordinare pezzi di legno, osso di cammello, avorio, ecc. per creare forme geometriche.

Quest’arte viene praticato Ad Isfahan, Tabriz, Yazd, Kachan,

 

Ceramiche

La ceramica è l’arte di realizzare vasi porosi in terracotta che possono rimanere ruvidi o ricevere un rivestimento rivestito.

Sono state trovate prove preistoriche know-how iraniano nel modellare la terracotta.

 

Miniatura

La miniatura dalla parola latina miniare, che significa “scrivere al minium”, esisteva già in Iran, prima della conquista dei musulmani. Per gli iraniani, la miniatura significa una sorta di pittura figurativa indipendente che può adornare i manoscritti e intesa a illustrare il testo. Dopo l’arrivo dell’Islam, quest’arte cadde nell’oblio e fu solo durante il periodo Abbaside che gli iraniani entrarono alla corte reale e la miniatura iraniana si svegliò a quell’epoca.  Il soggetto dominante di questa arte è il misticismo.

 

Ghiveh

Ghiveh è una sorta di scarpa morbida, confortevole, resistente e tessuta a mano, comune in molte parti dell’Iran, in particolare nelle zone rurali e montane della provincia di Kermanshah. I centri di produzione di Ghiveh sono le due province di Yazd e Kermanshah in Iran. Ghiveh è composto da due parti: la suola e il gambo. La scuola è solitamente in tessuto, gomma o pelle, la tomaia è in filo intrecciato. Prima dell’arrivo dell’industria della gomma nella regione, i produttori di Ghiveh usavano una specie di pelle di toro selvaggia per donare e lo stelo era realizzato in filo di lana o cotone. La maggior parte delle persone benestanti indosserebbe la suola in tessuto che è la suola migliore tra i tre tipi nominati. Con l’arrivo dell’industria della gomma, gli strati inferiori della società usavano Ghiveh con la gomma nella pianta per loro bambino a causa della sua resistenza.

 

Quadri di calligrafia

In tante città iraniane è possibile acquistare quadri di calligrafia a prezzi convenienti. I temi principali di questi scritti sono poesie dei grandi poeti iraniani o versetti di Coran.

Esistono diversi stili di calligrafia in Iran, tra cui Kufic Style (Kufi), Bani’i Style o Ma’gheli, Naskh Style, Tholth Style, Mohaghagh Style, Reyhan Style, Towghi Style, Divani Style, Style reghâ ‘, Style roq’eh, Style toghrâ, Style sini, Style ta’ligh or tarassol, Style nasta’ligh (Mir-Ali Tabrizi, nato a Herat nel 1360 e deceduto nel 1446 o 1447 a Tabriz, unendo stile naskh scrivendo a ta’liq, ha creato lo stile nasta’liq) e nasta’ligh shekasteh style.

 

Souvenir di Teheran

Possiamo contare Douq (bevanda a base di yogurt, acqua e sale, è possibile aggiungere erbe), mela, melograno, uva passa e lavashak (pasta di frutta aspra), oggetti di pelle e persino tappeti tra i ricordi della capitale iraniana.

 

Souvenir di Mashhad

Rosario, anello ornato di pietre preziose, pietra da preghiera, turchese, agata, profumo, tappeto da preghiera, nonché zafferano, crespino e spezie sono Souvenir della prima città religiosa dell’Iran.

 

Souvenir di Shiraz

Quando viaggiamo a Shiraz, possiamo acquistare regali come qualsiasi tipo di destillazione di erbe, limone, tappeti, kilim, oggetti decorati con khatam, smalto, sculture in legno, contenitori in terracotta o bicchiere, gabbeh, datteri, tisane, melograni e concentrato di melograno, per i nostri cari.

 

Souvenir di Sīstān e Baluchistan

Contenitori in terracotta e ricami su tessuti o abiti sono ricordi di questa provincia del sud-est dell’Iran.

Lando è il nome di una sorta di pasticceria a base di datteri, sesamo e grano.

Il ricamo di questa provincia è così noto che l’ultima regina dell’Iran, Farah, indossava abiti ricamati dalle donne di Sīstān e del Baluchistan.

L’età della ceramica in questa regione risale a 7000 anni fa.

 

Souvenir di Tabriz

Torrone (una pasticceria della famiglia dei gaz), loukoum, gurabie, Eris (composto da pistacchio, latte, zucchero, vaniglia e burro) sono Souvenir di questa città, ma possiamo anche nominarne altri specialità per Tabriz:

 

 Latifeh

Una dolce composta da due pezzi di pasta tra i quali c’è uno spesso strato di crema pasticcera.

 

baqlava

Una pasticceria di origine ottomana che si trova in Iran e in molti altri paesi tra cui Libano, Iraq, Egitto …

Baqlava è normalmente preparato in grandi pentole. Molti strati di pasta sfoglia, separati con burro fuso e olio vegetale, vengono inseriti nella casseruola. Uno strato di noci tritate – di solito noci o pistacchi, ma a volte vengono utilizzate anche nocciole – viene posizionato sopra, quindi diversi strati di pasta sfoglia. La maggior parte delle ricette ha diversi strati di pasta sfoglia e noci, anche se alcuni hanno solo paste superiori e inferiori.

L’impasto viene tagliato in pezzi regolari, spesso in parallelogrammi (a forma di diamante), triangoli o rettangoli. Dopo la cottura, uno sciroppo, che può contenere miele, acqua di rose o acqua di fiori d’arancio, viene versato sulla baqlava cotta.

Tra i souvenir di Tabriz figurano anche tappeti annodati a mano, articoli in pelle e contenitori in terracotta.

 

Souvenir di Ilam

Tappeti di seta annodati a mano, kilim, miele, grassi animali, sesamo e alcuni dolci come il kak sono Souvenir di questa città di confine. Inoltre, in Ilam troviamo vari tipi di pane come Cholekin, che assomiglia molto al pancake francese. Il pane saj è un altro Souvenir di questa città e come indica il nome, si sta preparando su un saj che è una stufa a forma di cupola di metallo sopra un fuoco di legna.

In questa regione il Bané viene anche coltivato come pistacchio.

 

Souvenir di Isfahan

Isfahan è conosciuta come la città dell’arte e degli artisti. Quindi non è sorprendente vedere molti ricordi di questa città.

Gaz è uno dei dolci più ricercati di Esfahan. L’impasto di questa caramella proviene da un arbusto chiamato tamarix che cresce nelle aree desertiche.

Gli ingredienti: gaz angabin, zucchero, acqua,  albumi d’uovo e pezzi di pistacchio o mandorla.

Il gaz si presenta in più forme come gaz di farina (conservato in farina), gaz loghmeh, gaz liquido (angochtpitch), gaz cioccolato.

 

Poolaki

Poolaki è un tipo di caramella prodotta principalmente ad Isfahan, ha la forma di un disco sottile molto simile a una moneta molto sottile che inizia a dissolversi quando entra nella bocca. È composto da zucchero, acqua, aceto bianco e un gusto naturale di zafferano o cacao in polvere.

 

Zucchero Candito (con spago)

Si ottiene dalla lenta cristallizzazione di uno sciroppo di zucchero molto puro e talvolta miscelato con zafferano, concentrato e caldo, che viene lasciato a raffreddarsi lentamente in vasche allungate con fili di lino o cotone. I cristalli si formano attorno a questi fili.  All’inizio del secolo scorso, abbiamo chiamato zucchero candito “filo di zucchero”.

Mentre bevono il tè, gli iraniani mettono lo zucchero candito allo zafferano in questa bevanda.

 

Berechtouk

È una specie di torta specifica di Isfahan, a base di farina di piselli o grano, olio di zucchero e cardamomo.

Ci sono ancora molti altri souvenir da portare da Isfahan, tra cui tovaglie stampate a mano, Khatam Kari, Sbalzo , toreutiche, smalti, tappeti annodati a mano, ecc.

 

Souvenir di Ardabil

Molteplici tipi di pasticceria, frutta secca, semi oleosi, latticini, miele, tappeti annodati a mano, spiedini, ecc. sono tra i Souvenir di questa città turca.

Il nero di Halva è una specie di Halva a base di miele, noci, burro, farina integrale, pistacchio e polvere di cocco.

Producono anche halva allo zenzero, baqlava e halva bianca.

Il kajmak di Ardabil, prodotto con latte di bufala domestico, è ben noto e può essere consumato con miele di Sabalan.

 

Souvenir di Boushehr

Situata nel sud dell’Iran e sulle rive del Golfo Persico, Bouchehr ha le sue specialità. Possono essere elencati come: frutti di mare, dattero, cuore di palma, dolci, halva, oggetti in rattan, contenitori in terracotta, tahini (crema di sesamo), masghati (ingredienti di cui sono amido, olio, zucchero a velo, zafferano, cardamomo e acqua di rose), ecc.

 

Souvenir dell’Azerbaigian occidentale

Tappeti annodati a mano, Kilim, caramelle tipiche (noghl), essenza di erbe, miele, sculture in legno, uva, mele, noci e uvetta sono i souvenir principali di questa città situata nel nord-ovest del paese, abitata di azeri, persiani e curdi. Puoi anche trovare halva di carote preparate con carote, noci, cardamomo, acqua di rose e melassa di uva.

 

Souvenir dell’Azerbaigian orientale

La città a maggioranza azera produce tappeti annodati a mano, argenteria, prodotti in pelle, pasticceria, lokum, frutta secca, semi oleosi, miele e formaggio Lighvan. La pasticceria di questa provincia è rinomata per il torrone (una pasticceria della famiglia del gaz), loukoum, gurabie (torta a base di cereali tritati, zucchero a velo e albume, senza farina) Eris (composta da pistacchi, latte, zucchero, vaniglia e burro), Tabrizi Lovuez (mandorle in polvere, zafferano e zucchero a velo).

Souvenir di Qom

Seconda città religiosa dell’Iran dove si trova santuario della sorella dell’ottavo imam sciita, l’imam Reza, ha questi souvenir: Sohan (una sorta di pasticceria a base di grano, zucchero, zafferano e cardamomo), tappeto di seta annodato a mano, oggetti in terracotta, sculture in legno, pietre preziose e chador.

 

Souvenir di Hamadān

Contenitori in terracotta, articoli in pelle, vari tipi di pasticceria, frutta secca, semi oleosi e tappeti annodati a mano sono esempi dei souvenir di Hamadān.

Zardeh: è un dolce dessert fatto di grasso d’animale, tuorli d’uovo, zucchero, zafferano e acqua di rose.

Angocht pich: è come il Gaz liquido. Gli ingredienti sono albume, acqua di rose, zucchero e acqua.

Komadj: è un pane fatto con farina di riso e zucchero.

Melassa d’uva: a base di succo d’uva. La melassa dell’uva è ricca di vitamina A e B, magnesio e ferro.

About Author

client-photo-1
Sam

Comments

Lascia un commento