Deserti in Iran

L’Iran è la terra dei contrasti, il monte, il mare, la foresta e il deserto sono fianco a fianco e danno al paese dei Persiani un’immagine multicolore.

Gran parte dell’Iran centrale è occupata da due grandi deserti: il Gran Deserto (Dasht-e Kavir) e il Deserto del Vuoto (Dasht-e Lut).

Deserto Mesr

Questo pittoresco deserto si trova nella provincia di Isfahan ed è noto come mare di sabbia. Questo deserto ha un cielo chiaro e pieno delle stelle e per questo è molto interessante per gli astrologi.

 Il suo nome deriva dal nome di un giovane che si chiamava Giuseppe, questo giovane in seguito a un periodo di siccità nel villaggio scavò un pozzo nel villaggio e per il rispetto che aveva in fronte alla profeta Giuseppe e visto che la storia della profeta Giuseppe è ha accaduto nel Egitto ha chiesto dalla gente del villaggio di nominar il villaggio  Mesr , (Mesr significa Egitto).

Le attrazioni turistiche di questo deserto sono profondi pozzi, verde nella regione desertica, Tamarix, case rurali e antiche ristrutturate per ospitare turisti, giro in moto, equitazioni a cammello.

In questo deserto potete togliere le scarpe e camminare con  piedi nudi sulle sabbie e sentire il loro piacevole calore oppure potete fare qualche escursione con fuori strada.

 

Deserto di Maranjab

Uno dei deserti più belli in Iran è nella provincia di Isfahan.

Nel 1633, il re Abbas I, fu attaccato dagli uzbeki e dagli afghani. Per difendere il paese, si accampò nel deserto di Maranjab che all’epoca non aveva nome. Il Re vide la mancanza di un caravanserraglio in questa regione per ospitare la sua truppa e ordinò di scavare un pozzo, ciò che è molto strano è che l’acqua di questo pozzo, scavato nel deserto di sale, è dolce, un fenomeno del genere non viene spiegato dai geologi.

Questo deserto, a differenza di altri deserti, non è interamente sterile, ma la varietà di vegetazione è notevole. Ci sono anche vari tipi di animali, tra cui ghepardo, gatto selvatico, serpente, aquila, volpe, lupo ecc..

Per fare un’escursione in questo deserto, avrai bisogno di una guida, altrimenti ti perderai.

 

Deserto Khor e Biyabanak

La città di Khor e Biyabanak contiene un deserto omonimo che stende da est dalla città di Yazd fino a ovest della piccola città di Naïn. Questa città è composta da quattro villaggi principali: Bayazehé, Garmeh, Jandaq e Arabeh che ciascuno contengono una cittadella.

 

Cittadella di Jandaq

 L’antichità di questa cittadella risale ai tempi di Sassanidi e Ilkhanidi,

 Costruita per ragioni militari, la cittadella proteggeva anche i non militari, ma col tempo gli abitanti di questa città lasciarono la cittadella per stabilirsi nelle nuove case fuori dalla cittadella e quest’ultima divenne quasi deserta

Cittadella di Bayazeh

Questo castello sasanide ha una superficie di mille metri quadrati, circondato da fossati a una profondità di 12 metri e una larghezza di 7 metri per bloccare il passaggio dei nemici. La cittadella di Bayazeh è costruita principalmente con mattoni.

Mattin Abad

L’armonia tra uomo e sabbia è vista nel campo desertico di Matin Abad. Situato a Kashan, a 20 km da Natanz, questo campo nel deserto accoglie turisti iraniani e stranieri. I villaggi di altre volte che erano arroccati in questo deserto, sono ora sepolti sotto le dune e a 4 km da questo campo, abbiamo anche scoperto siti archeologici.

Secondo gli esperti irano-tedeschi, la presenza di essere umano in Matin abad, e da 1200 anni.

In questo campo ci sono delle stanze e delle tende e dei servizi igienici e bagni.

In questo campo si può fare equitazioni a cammello a cavallo oppure fare un escursione con la bici.

La notte sotto il cielo stellato del deserto può segnare una notte magica nella tua mente.

 

Deserto di Zardgah

Il deserto più verde dell’Iran è nella provincia del meridiano Khorasan a 200 km da Tabas. La vegetazione di questo deserto proviene dalle palme e dai campi d’intorno del villaggio di Zardgah che fa parte del deserto.

La maggior parte degli abitanti di questo villaggio si è trasferita nelle città vicine e il villaggio di Zardgah è rimasto quasi deserto.

L’architettura delle case di questo villaggio è in modo che la sabbia non può penetrare nelle case e il vento fresco ha l’opportunità di rinfrescare queste abitazioni adobe.

 

Deserto Lut

Il posto più caldo della Terra, con una temperatura massima di 70, nel 2005, è diventato parte della World Heritage List dell’Unesco.

Il calore di questo deserto di sale lo ha reso completamente sterile e a parte di alcuni tipi di arbusti, nessuna pianta può crescere lì. Secondo gli scienziati, il colore scuro della sabbia che assorbe il calore di Lut è la causa principale di questa alta temperatura.

Delle attrazioni turistiche di questo deserto arido sono le escursioni con 4 x 4.

Le Yardang del ventisettesimo deserto più grande del mondo sono conosciute come città nascoste o città dei morti. Questo fenomeno naturale attrae centinaia di turisti iraniani o stranieri in questo deserto. I yardang sono il lavoro dell’erosione del vento, durante 20 mila anni. Ci sono persino oggetti trovati che sono la prova dell’esistenza di una vita umana, era estinta.

Il campo deserto di Shahdâd è stato inaugurato qui, per ospitare i numerosi turisti che vogliono trascorrere la notte nel deserto, sotto le splendide stelle.

Desert Rig-e Zarrin

Situato vicino a Yazd, questo deserto è adornato da grandi dune a nord e da sabbia fine e dorata e dune salate a sud. Questo deserto è di 600 km quadrati. La variazione della pianta in questo deserto è una testimonianza dell’esistenza delle falde acquifere. La fauna multipla di questo deserto include il lupo, la volpe, la iena, il serpente ecc..

About Author

client-photo-1
Sam

Comments

Lascia un commento